• Informazioni: 030 63 42 483
  • comunicazione@casadellostudente.net

Esame di 3^ media 2020. Ecco cosa cambia

L’anno scolastico che sta per concludersi è stato segnato inevitabilmente dalla pandemia che ha colpito l’intero pianeta. È da febbraio, infatti, che studenti di tutte le età hanno interrotto la consueta routine scolastica introducendone, non senza difficoltà, una nuova fatta di lezioni e compiti online. Per i ragazzi che stanno per concludere un ciclo scolastico rimane in vigore l’obbligo di sostenere un Esame di Stato. Anche per questo, tuttavia, le modalità sono molto differenti da quelle degli anni precedenti; snellite e più concentrate, le prove d’esame saranno strutturate secondo criteri ben precisi. Vediamo nel dettaglio quelli specifici per l’Esame di Stato previsto per la conclusione della scuola secondaria di primo grado. L’Ordinanza Ministeriale n. 9 del 16 maggio 2020 ovvero quella denominata “Ordinanza concernente gli esami di Stato nel primo ciclo di istruzione per l’anno scolastico 2019/2020” e l’Ordinanza Ministeriale n. 11 del 16 maggio 2020, denominata “Ordinanza concernente la valutazione finale degli alunni per l’anno scolastico 2019/2020 e prime disposizioni per il recupero degli apprendimenti” forniscono alle scuole le indicazioni per affrontare gli esami conclusivi dei cicli scolastici. Normalmente l’esame sarebbe composto da diverse prove scritte (italiano, matematica e lingue) e da una prova orale con presentazione di una tesina multidisciplinare. Quest’anno invece esso coincide con la valutazione finale da parte del Consiglio di Classe e terrà conto della tesina multidisciplinare prodotta dall’alunno, su un argomento concordato con gli insegnanti.

L’elaborato è uno strumento per valorizzare il percorso degli studenti: sarà consegnato e poi discusso per via telematica, prima dello scrutinio finale. L’argomento deve essere concordato e inviato in anticipo ai docenti e la presentazione dello stesso dovrà essere fatta online entro lo scrutinio finale, che dovrà avere luogo entro il 30 giugno. Le scuole definiranno autonomamente il calendario delle presentazioni delle tesine online. Nell’Ordinanza Ministeriale sopra citata viene espressamente indicato che “per consentire la piena valorizzazione e una più attenta valutazione degli elaborati di cui all’articolo 3, il consiglio di classe dispone un momento di presentazione orale degli stessi, in modalità telematica, da parte di ciascun alunno davanti ai docenti del consiglio stesso”, ”l’elaborato di cui all’articolo 3 e l’elaborato di cui all’articolo 5 sono valutati dal consiglio di classe, anche in riferimento alla presentazione, sulla base della griglia di valutazione appositamente predisposta dal collegio dei docenti, con votazione in decimi” e che “l’elaborato consiste in un prodotto originale, coerente con la tematica assegnata dal consiglio di classe, e potrà essere realizzato sotto forma di testo scritto, presentazione anche multimediale, mappa o insieme di mappe, filmato, produzione artistica o tecnico-pratica o strumentale per gli alunni frequentanti i percorsi a indirizzo musicale”. Il colloquio attraverso il quale verrà discusso l’elaborato tenderà a verificare come l’alunno usa gli strumenti del conoscere, dell’esprimersi e dell’operare, con quale competenza e padronanza è in grado di impiegarli. La valutazione finale terrà conto, oltre che della qualità della tesina multidisciplinare e della sua presentazione, di tutto il percorso fatto dallo studente, infatti essa avrà per oggetto l’intero processo formativo e i risultati di apprendimento (acquisizione di conoscenze, abilità, competenze). Quest’anno, il Consiglio di Classe, ammetterà all’esame tutti i propri alunni anche nel caso di parziale o mancata acquisizione dei livelli di apprendimento in una o più discipline, tenendo in considerazione il contesto sociale in cui ci troviamo, caratterizzato da un evento storicamente senza eguali per ognuno di noi che ha di interrotto la scuola modificando le modalità di apprendmento. Non resta che fare tanti auguri a tutti gli studenti, con la speranza che il prossimo anno scolastico torni ad essere ricco di momenti di socialità e condivisione.

Se necessiti di supporto per il superamento dell’esame, CLICCA QUI

Dott.ssa Daphne Scotto di Carlo, psicologa Casa dello Studente

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa fan su Facebook