• Informazioni: 030 63 42 483
  • comunicazione@casadellostudente.net

L’ottavo Giorno 2018 Presentazione

Il sesto giorno fece gli uomini, le donne, i bambini, a me piacciono le donne e i bambini perché non pungono quando baci.

“L’Ottavo giorno” ritorna per la sesta edizione, con il suo portato di emozioni, di esperienze capaci di risvegliare in ciascuno di noi, nella scuola e non solo, la riflessione su tematiche tanto importanti come la disabilità e il confronto con essa, per conoscere e per riconoscere un mondo in cui la vulnerabilità può trasformarsi in risorsa, in cui i limiti possono lasciare spazio a potenzialità attraverso la condivisione.

Ho impresse nella mia memoria le immagini degli incontri promossi nelle passate edizioni, che hanno davvero permesso di creare vicinanza tra due realtà, quella dei disabili e quella degli adolescenti, realtà che, a volte, per come si manifestano possono spaventare, creare distanza relazionale e incomprensione. Sono state esperienze arricchenti, che hanno rinforzato in me la consapevolezza del valore dell’inclusione, che deve potersi sviluppare nel raccordo tra dimensione scolastica ed extrascolastica. Nella scuola viene agita prevalentemente come didattica inclusiva (l’educazione per tutti nell’uguaglianza dei diritti, nel rispetto e nella valorizzazione delle diversità), nell’extra-scuola come educazione comunitaria sviluppata nella prospettiva dell’empowerment delle persone disabili
e delle loro associazioni.

La scuola, che include, opera perché la comunità diventi inclusiva e pertanto educa all’inclusione sociale. Nella prospettiva dell’educazione inclusiva, la scuola svolge un ruolo sociale, che implica lo sviluppo di ulteriori competenze delle figure educative capaci di contribuire alla costruzione di un ambiente accogliente ed inclusivo.

La scuola inclusiva è la scuola della comunità. L’inclusione infatti si effettua in relazione a territori concreti e nell’ambito delle comunità che li abitano. Una scuola della comunità interagisce attivamente con il proprio territorio, coinvolge e responsabilizza la collettività in merito al diritto all’educazione e al diritto all’inclusione, proponendo,
dialogando, mostrando, ricercando, sperimentando, testimoniando tramite la propria attività educativa, promuovendo eventi di sensibilizzazione. Per questo la nostra scuola, che si impegna nella sfida della diversità e della frammentazione, che vuole essere un luogo da abitare, in cui ci si incontra tra singoli e unici e ci si identifica tra diversi e particolari, cerca risposte alle esigenze espresse dalla comunità ed è partecipe e promotrice di un comune sforzo per lo sviluppo locale e la coesione sociale, per il superamento degli ostacoli che limitano i diritti di cittadinanza, cooperando, stipulando alleanze, sottoscrivendo accordi con le istituzioni locali, con gli attori sociali, culturali ed economici della comunità. È in questa cornice che si colloca L’Ottavo Giorno, che porterà la scuola ad aprirsi alla realtà delle disabilità, con il supporto fondamentale dell’Ente Locale, promotore dell’iniziativa, e la collaborazione con la Rete dei Servizi per disabili di Brescia, l’ANFFAS di Brescia, la Casa dello Studente, gli operatori dell’Ufficio Servizi Sociali, le realtà territoriali oratoriali, la società sportiva Gussago Calcio, le famiglie e i loro bimbi, ragazzi che vivono direttamente l’esperienza della disabilità, i Servizi che operano nel settore, il Gruppo Alpini di Gussago, l’Associazione Pensionati di Gussago, l’Accademia Musical-Mente e altre associazioni territoriali.

Avrò il piacere, per l’ultima volta come dirigente scolastica, di partecipare alle diverse iniziative, di assistere agli incontri tra generazioni e realtà diverse, con la consapevolezza che rappresenteranno per tutti i soggetti coinvolti, in particolar modo per gli alunni, un’esperienza profonda di crescita personale in termini di riconoscimento, responsabilità, cura condivisa, capace di costruire i confini per convivenze possibili con tutte le persone e quindi di produrre nel tempo benefici in termini istituzionali e socioculturali.

Vi aspetto numerosi per costruire insieme una comunità di pratiche, dove confrontarci e crescere insieme!

Enrica Massetti dirigente scolastica dell’Istituto Comprensivo di Gussago

* * *
Colgo l’occasione di questa sesta edizione per ringraziare la Dott.ssa Massetti per questi anni di condivisione dell’esperienza originale dell’Ottavo Giorno… mi sembra ieri quando in una giornata invernale insieme andammo a conoscere le varie realtà che poi in questi anni hanno animato con i vari laboratori la nostra scuola e il nostro paese. Grazie per la passione e competenza mostrate e come dice George… “Il settimo giorno, per riposarsi fece le nuvole, se le guardi a lungo ci vedi disegnate le storie”. Sicuramente la sua presenza e queste storie rimarranno nel cuore
dei nostri ragazzi e della nostra comunità.

Grazie
Nicola Mazzini
Assessore alle Politiche Sociali Comune di Gussago

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa fan su Facebook

Iscriviti alla nostra
Newsletter