• Informazioni: 030 63 42 483
  • comunicazione@casadellostudente.net

Orientamento, una guida per il genitore

I genitori hanno un ruolo importante durante la fase di orientamento degli studenti, sia per la scelta della scuola secondaria, sia per la fase post diploma.  I loro desideri, ambizioni, aspirazioni, progetti e paure possono condizionare le scelte scolastiche o professionali, sostenendo ma anche rallentando il processo di maturazione e pianificazione del futuro dei loro figli.  Spesso, i genitori sono consapevoli di ciò e questo scatena preoccupazioni e timori.

Una delle maggiori difficoltà per il padre e la madre, nella relazione con figli adolescenti è far sentire la propria presenza al figlio ma nello stesso tempo lasciargli autonomia e spazio per crescere e percorrere la sua strada.

Il rapporto genitori-figli va, quindi, continuamente ripensato e reinventato, soprattutto quando i figli sono alle prese con l’orientamento, occasione di verifica delle capacità di autonomia e di assunzione di responsabilità da parte del giovane.

Se il compito principale della famiglia è quello di sostenere il figlio nella scelta del proprio futuro, affinché sia felice, quali azioni può compiere?

Il primo passo è sicuramente quello di offrire ai propri figli del tempo, degli spazi per riflettere insieme, dando la propria disponibilità al confronto e all’approfondimento mettendo sempre al centro il ragazzo, con le sue peculiarità e i suoi tempi individuali di maturazione.

Ciò vuol dire:

–          Osservare i figli per scoprire interessi, punti di forza, inclinazioni.

–          Saper ascoltare, accogliere e sostenere i suoi desideri nel cassetto.

–          Aiutare i figli a riflettere su loro stessi, per conoscersi e capire le attitudini.

–          Offrire delle visioni del futuro realistiche ma non pessimistiche.

–          Informarvi rispetto alle diverse scuola insieme ai vostri figli.

–          Sostenere i ragazzi anche quando scelgono scuole lontane.

–          Utilizzare le proprie ambizioni e aspettative come stimolo per i figli, purchè siano adeguate alle loro caratteristiche e ai loro interessi.

–          Tollerare la possibilità che il figlio possa sbagliare nella sua scelta, senza investire eccessivamente di significato tale decisione.

–          Aiutare lo studente a considerare in maniera propositiva e costruttiva il parere degli insegnanti.

–          Non delegare questo ruolo di guida durante l’orientamento esclusivamente alla scuola o ad esperti esterni.

–          Evitare di selezionare le informazioni per la scelta sulla base di un unico criterio che si ritiene più importante. Ad esempio scegliere una determinata università solo perché vicino alla propria abitazione, o perché più facoltosa.

–          Evitare di sostituirsi ai figli nella scelta, partendo dal presupposto che siano ancora immaturi, così gli impediremmo proprio di vivere questa importante occasioni di crescita.

Questi sono alcuni importanti principi che il genitore potrebbe tenere a mente per accompagnare il figlio in maniera funzionale in questo percorso, sostenendolo nella crescita individuale, partendo dal presupposto che il compito del genitore non è risolvere i problemi dei figli ma aiutare a comprenderli.

A cura di Alice Andreatta, psicologa, Casa dello studente.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa fan su Facebook

Iscriviti alla nostra
Newsletter