• Informazioni: 030 63 42 483
  • info@casadellostudente.net

Perchè andare dallo psicologo?

Nonostante la psicologia sia ad oggi una scienza riconosciuta alcune false credenze sono ancora presenti nella comunità. A volte di fronte a condizioni di malessere si può credere che sia importante farcela da soli o che parlare non può risolvere i problemi. Quindi ancora oggi, alcuni ritengono che lo psicologo non serva o che serva solo per i “matti”. In realtà per definizione lo psicologo è una figura che si occupa di prevenzione, diagnosi, abilitazione-riabilitazione e sostegno rivolto alle persone, al gruppo, alle organizzazioni e alle comunità.

Lo psicologo, quindi, interviene anche nell’ambito della “normalità”, promuovendo il benessere, prevenendo il disagio e sostenendo il singolo o i gruppi nell’affrontare le normali sfide che la vita ci propone.

Alla base della richiesta di un supporto psicologico ci può essere, pertanto, la presenza di un disagio, ma anche il desiderio di migliorarsi ed accrescere il proprio benessere psicofisico.

Ecco ad esempio, alcune buone ragioni per rivolgersi allo psicologo:

  • per ritrovare serenità;
  • per conoscere meglio alcuni aspetti di sé e del proprio modo di relazionarsi al fine di migliorarsi. Ad esempio quando ci accorgiamo di commettere sempre lo stesso errore nelle relazioni che ci porta a vissuti di sofferenza
  • per avere un supporto nell’orientamento scolastico o lavorativo;
  • per affrontare alcune situazioni di vita critiche, ad esempio un cambiamento lavorativo o una separazione familiare;
  • per uscire da situazioni di stallo;
  • in caso di eventi traumatici come ad esempio un lutto;
  • per affrontare meglio ansie o altre emozioni che influiscono negativamente nella propria vita. Ad esempio quando ci si sente sopraffatti da paure o sentimenti depressivi;
  • quando si percepiscono significativi cambiamenti di comportamento o umore;
  • quando si percepisce che un problema tende ad aumentare di intensità e frequenza;
  • in caso di dipendenze.

 

In tutti questi casi lo psicologo può essere di aiuto sostenendo la persona, aiutandola a comprendere, riattivare e consolidare le proprie capacità e potenzialità, permettendo il superamento del disagio.

Rispettando il punto di vista dell’altro, i suoi vissuti, ideologie e credenze, mette a disposizione le sue conoscenze per costruire insieme un percorso che porti al benessere personale, familiare e sociale.

La chiave del merito psicologico sta proprio nell’accompagnare in modo professionale la persona in un cammino nel quale si formulano domande, si ricercano risposte, si riconoscono emozioni, pensieri, qualità, risorse e caratteristiche disfunzionali e tale cammino richiede sicuramente il coraggio per percorrerlo.

Dott.ssa Andreatta Alice, Psicologa Casa dello Studente.

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Diventa fan su Facebook